Domenica 21 agosto Francesco Lorenzi ha ricevuto il "PREMIO INTERNAZIONALE PER LA PACE SAN PAOLO VI” con una cerimonia che si è svolta sul Monte Scalambra, a ridosso del Santuario dedicato alla Regina della Pace, nel comune di Serrone (FR).

francesco lorenzi premi per la pace papa paolo vi

francesco lorenzi premi per la pace papa paolo vi

Il riconoscimento, che nelle scorse edizioni è stato assegnato a diverse personalità di spicco del mondo della solidarietà, della cultura, della medicina, della scienza, della politica, è stato consegnato a Francesco in qualità di “Costruttore della pace”, nell’ambito dell’educazione delle nuove generazioni attraverso l’arte della musica.

"Con questo premio - si legge nel testo della motivazione - intendiamo sottolineare che la testimonianza coraggiosa di Francesco Lorenzi, capolavoro dello Spirito Santo, profeta di gioia e di pace, prepara con lo Spirito Santo e la Regina della Pace la Civiltà dell’Amore”.

"Sono onorato - ha commentato Francesco - di aver ricevuto questo premio inaspettato in compagnia di persone straordinarie come Marco Bartoletti, Federica Picchi, Alberto Bonifacio, Paola Pellicanó: un mix di donne e uomini eccezionali che si sono distinti per anni, ognuna nel suo campo, a servizio del Bene. Mi porto a casa tanta gratitudine e ispirazione da questa esperienza: abbiamo tutti bisogno di buoni esempi, io per primo, e ognuna di queste persone lo è per me!”.

Un grazie particolare a don Primo Martinuzzi, parrocco-rettore del Santuario e organizzatore del premio, e alla giornalista Safiria Leccese per la sua straordinaria conduzione.

Di seguito, alcune foto dell’evento e della premiazione.

francesco lorenzi premi per la pace papa paolo vi

francesco lorenzi premi per la pace papa paolo vi

francesco lorenzi premi per la pace papa paolo vi

Lunedì 13 settembre nella splendida cornice di Villa Petriolo (Empoli), tenuta agricola biologica incastonata tra le colline di Cerreto Guida, i The Sun hanno  ricevuto dalle mani della Presidente di Save The Planet Elena Stoppioni il riconoscimento ufficiale di “Colibrì d’onore” per essersi distinti nella comunicazione e nel lavoro di sensibilizzazione e divulgazione ambientale, soprattutto in seguito alla pubblicazione del singolo “Appunti verso la fine del mondo”. 

È stata anche un’occasione per parlare insieme dei prossimi progetti comuni, approfondendo il rapporto di amicizia e stima reciproca. Inoltre, la band ha vissuto un incontro molto significativo con Norbert Lantschner, membro onorario di Save The Planet ed esperto di tematiche ambientali, che ha consentito di approfondire maggiormente alcune tematiche a loro care.

Gli abbiamo rivolto alcune domande spinose e le sue considerazioni sono state esplicite, nette, piene di consapevolezza spirituale. Secondo Norbert, infatti, si può cambiare in meglio solo con uno sguardo che riconosca l'Oltre a cui la perfezione della natura ci rimanda. È stato doloroso ascoltare come molti danni agli ecosistemi siano già stati fatti e a lungo perpetrati con il benestare di grandi potentati. Danni che affliggeranno miliardi di persone entro breve; problematiche cui ci troveremo a far fronte, volenti o nolenti. 

Per invertire la rotta, quindi, serve l'impegno di tutti, in primis di chi guida i capitali e le nazioni. Senza pressione pubblica, però, chi governa non smetterà di cercare il consenso ignorando la valanga che si sta per abbattere sull'umanità intera. 

Norbert ci ha confermato anche quanto possiamo notare noi stessi: l'emergenza Covid è stata cavalcata per distogliere l'attenzione da gravi problemi che metteranno sempre più in pericolo la vita dell'uomo sulla terra. L'allarme rosso lanciato nel 2020 da molto esperti e studiosi è stato infatti ignorato, a causa di una monopolizzazione della comunicazione mediatica, politica e sociale. 

Pare che ormai l'unica attenzione di buona parte dei governanti sia proteggere loro stessi e gli interessi di pochi in modo sempre più sfacciato e antidemocratico, mancando di responsabilità soprattutto verso le nuove generazioni, i più poveri e deboli. Solo una presa di coscienza collettiva può invertire questa rotta! Ognuno di noi è una goccia in un oceano, ma molte gocce fanno una corrente e segnano così una via nuova.

La cura, l'amore, l'empatia a cui ci forma Cristo è anche questo. Noi qui, nel nostro Paese, abbiamo tanti mezzi per comprendere: la nostra ignoranza o indifferenza hanno un grave peso. Prendiamoci cura dei doni ricevuti: "È adesso il momento di dare il meglio a viso aperto”. (Francesco Lorenzi)

Domenica 17 dicembre 2017 i The Sun hanno ricevuto uno speciale riconoscimento nell’ambito del “Premio Thiene”, perchè "da 20 anni band musicale di successo internazionale, ambasciatrice nel mondo del messaggio cristiano.

Alla premiazione, tenutasi presso il teatro comunale di Thiene, sono state premiate insieme alla band altre eccellenze culturali, imprenditoriali e associazionistiche del territorio.

Ci sentiamo lusingati per il riconoscimento ricevuto in occasione del nostro ventesimo! Un grazie davvero speciale va al sindaco Gianni Casarotto per le sue parole e per l'amore che ogni giorno testimonia attraverso il suo lavoro, autenticamente al servizio del bene di tutta la comunità. Ringraziamo anche l’Amministrazione Comunale e tutti coloro che ieri in vari modi ci hanno manifestato il loro affetto” – hanno dichiarato i The Sun al termine della premiazione.

the sun premiati dalla città di thiene

Amnesty International Italia candida Le case di Mosul al premio Voci per la Libertà – Una Canzone per Amnesty 2016, riservato ai big della musica italiana, insieme ad altri 10  brani scelti da un'ampia rosa di segnalazioni giunte dal pubblico.
Il premio, giunto alla sua 14esima edizione, nasce dalla volontà della sezione Italiana di Amnesty International con lo scopo di coinvolgere artisti già affermati a livello nazionale, che abbiano pubblicato una canzone il cui testo possa contribuire alla sensibilizzazione sulla difesa dei diritti umani‬.

La band ha appreso questa notizia con grande entusiasmo apprezzando fortemente le motivazioni che hanno spinto la commissione ad includere il brano 'Le case di Mosul' tra i candidati:
"I giovani e coraggiosi The Sun non hanno paura di usare immagini forti per puntare i riflettori sulla guerra e invitare alla pace‬, al rispetto‬ dei diritti umani, alla coesistenza pacifica e alla libertà religiosa".

 

Venerdì sera, in occasione della serata di gala del Festival della Dottrina Sociale al Teatro Stabile di Verona, i The Sun hanno ricevuto il "PREMIO ALL'IMPEGNO D'IMPRESA PER IL BENE COMUNE".

È stata una immensa gioia e un grande onore!

Questo riconoscimento va condiviso con voi, Spiriti del Sole, perché avete accolto e sostenuto con entusiasmo le iniziative dei Francesco, Matteo, Riccardo e Gianluca rendendo possibile questa onda perfetta di musica, divertimento e impegno concreto per il bene comune.

GRAZIE!