Il rapporto tra i The Sun e il cinema non è nuovo, come dimostrano la collaborazione con la Dominus Production e la partecipazione nel 2018 alla 75° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

In questi mesi, si è arricchito di un ulteriore tassello: la Wanted Cinema ha contattato i ragazzi per chiedere loro di promuovere l’uscita del film Corpus Christi del polacco Jan Komasa, candidato agli Oscar 2020.

Dopo aver visionato la pellicola in anteprima, i The Sun hanno accolto con entusiasmo la proposta, convinti dalla potenza e dalla maturità di un film ricco di spunti su cui riflettere e di passaggi dal forte valore simbolico per la loro esperienza umana e di band.

Quanta santa libertà in questo film! Corpus Christi riesce in ciò che dovrebbe fare l'Arte: interrogare, commuovere, aprire orizzonti e dare testimonianza. Daniel è un pezzo di me, di te, della nostra vita: specchio che ci chiede a che punto è la nostra Fede e la nostra umanità. (Francesco)

Finalmente un film vero nella sua incredibile storia e questo, oltre che dalla produzione e dalla recitazione, è dato dai silenzi rispettati ad arte. La mia unica domanda è: il mondo cattolico è pronto per questo film? (Riccardo)

Il punto di forza del film è porre interrogativi con caparbietà. Qual é la strada per arrivare alla fede? Non è anche quella che attraversa le incoerenze, di cui mi sento un buon esponente, arrivando alla redenzione dopo continue cadute? (Matteo)

"Perdonare non significa dimenticare, ma amare qualcuno nonostante la sua colpa." Questo é un pilastro. Una vera meraviglia per l'anima, un balsamo che dà speranza. In fondo, insegna che la parola evangelica ha una forza davvero dirompente… (Gianluca)

Questo film mi ha riportato inevitabilmente alla mia esperienza con i The Sun… Noi esistiamo all’interno di una società nella quale abbiamo il dovere di capire, collaborare e aiutare per evolvere noi stessi. (Andrea)

Inoltre, nei giorni successivi al lancio del film, Francesco, Riccardo e Matteo sono stati coinvolti in una diretta streaming, commentando in ottica personale, spirituale e professionale alcuni passaggi chiave della pellicola in compagnia dell’attenta e sensibile Beatrice Moia (Wanted Cinema). 

È possibile rivedere interamente la diretta qui: https://fb.watch/5oZ_jhvMzw/.

I The Sun aggiungono un importante tassello al nuovo singolo Appunti verso la fine del mondo con la pubblicazione del videoclip affidato alla regia di Maurizio Baggio.

Realizzato con la tecnica della doppia esposizione, una novità rispetto ai precedenti lavori, il video unisce la band ad immagini giunte da tutto il pianeta, anche grazie alla collaborazione con l’organizzazione internazionale Animal Equality. 

Abbiamo deciso di coinvolgere diverse associazioni e organizzazioni umanitarie, ambientaliste e animaliste, - affermano i The Sun - perché siamo convinti che solo attraverso un’ampia collaborazione potremo sempre più sensibilizzare l’opinione pubblica verso un’attiva presa di coscienza. 

Con un taglio al contempo poetico e realista, il videoclip mostra la necessità di prendere coscienza della situazione in cui versano il mondo e l’umanità e l’urgenza di attuare fin da subito un cambio di rotta, contrapponendo immagini di degrado ambientale, sfruttamento animale e umana distruzione ad altre che richiamano la bellezza della vita, la natura incontaminata e i nuovi comportamenti da coltivare.

Lo conferma lo regista, Maurizio Baggio: “Abbiamo scelto questa tecnica specifica, prendendo spunto dalla sigla iniziale della serie tv “True Detective”, perché le immagini crude non sembravano abbastanza potenti per descrivere il contenuto del brano. Anzi, avrebbero fatto lo stesso effetto di una notizia al telegiornale. Proiettandole, invece, sui singoli componenti della band, ricordiamo che, in fondo, siamo tutti responsabili di quanto sta accadendo e che tutti noi ci dobbiamo adoperare per trovare una via di uscita”.